Google ha deciso di rendere la Activity Recognition Transition API disponibile per tutti gli sviluppatori e di conseguenza per tutte le app. L’API in questione elabora i dati dei sensori di un determinato device tramite modelli di machine learning, senza quindi andare ad impattare in modo significativo sul consumo di risorse e sulla durata della batteria. 

L’articolo Google apre l’Activity Recognition Transition API che sta dietro alla Driving mode dei Pixel 2 a tutte le app proviene da TuttoAndroid.

Fonte: Google apre l’Activity Recognition Transition API che sta dietro alla Driving mode dei Pixel 2 a tutte le app